home_txt home_img

Il Centro Studi Antonio Balletto cerca da quest'anno di ampliare e variare il pubblico dei propri fortunati cicli di lezione a Palazzo Ducale e lo fa rivolgendosi ai giovani, alle loro organizzazioni più libere e aperte che operano a Genova.
È soprattutto per loro che è pensato il tema del ciclo 2019, centrato sulle grandi domande della società, del lavoro, del futuro.


L'associazione Poliedri, in collaborazione con la Compagnia di Gesù, Provincia di Genova, il Dipartimento di Giurisprudenza e il Consorzio Agorà promuove iniziative di formazione e cultura per la cittadinanza attiva, rivolte in particolare a giovani, interessati a comprendere le dinamiche del vivere sociale e ad approfondire i grandi temi e gli strumenti per esercitare il dovere della responsabilità personale.
www.poliedri.it

I prossimi appuntamenti:

img
Mercoledì 6 novembre 2019, ore 18.00,
Sala delle letture scientifiche,
Palazzo Ducale a Genova


Il disordine del corpo
Il problema della sessualità nelle tradizioni cristiane
Società di letture scientifiche e Centro Studi Antonio Balletto

Interventi di padre Costantino Gilardi
e del pastore William Jourdan
Coordina l’incontro Gabriella Caramore

Scarica il programma
img

Paul Klee, Cupole rosse e bianche, Tunisia, 1914

Programma di conferenze a Palazzo Ducale di Genova
novembre-dicembre 2019


Religioni nel terzo millenio
Come si stanno trasformando e che ruolo potranno avere le fedi religiose nella nuova geografia politica e culturale del mondo contemporaneo

Conferenze coordinate da Gabriella Caramore che prevede i seguenti incontri a Palazzo Ducale

martedì 5 novembre, ore 17.45
Gabriella Caramore
Dio: storia di una parola

mercoledì 20 novembre, ore 17.45
Vincenzo Pace
La religione degli altri nell’Europa che cambia

mercoledì 4 dicembre, ore 17.45
Alberto Melloni
Il cattolicesimo sta finalmente diventando cristiano?
img
In collaborazione con Palazzo Ducale un ciclo di conferenze aventi per oggetto le riflessioni su alcune parole chiave della società contemporanea

Idee e libri
Ogni lezione sarà ispirata da un libro di recente pubblicazione e dalla presentazione che ne farà l'autore, seguita da una pubblica discussione.
I libri sono stati selezionati sulla base dell'attualità dei temi trattati, dell'autorevolezza di chi li ha scritti, dal dibattito suscitato e dell'idoneitá a descrivere il significato della parola chiave identificata come loro caratteristica.

Giovedì ore 17.45
Salone del Maggior Consiglio
Gennaio Febbraio 2020


16 Gennaio
Donald Sassoon
"Sintomi morbosi"

Democrazia, 2019 Rizzoli
23 Gennaio
Ernesto Galli
"L'aula vuota"

Scuola, 2019 Marsilio
30 Gennaio
Gabrio Forti
"La cura delle norme"

Giustizia, Vita e pensiero
6 Febbraio
Alessandro Rosina
"La condizione giovanile in Italia"

Giovani, 2019 Mulino
13 Febbraio
Federico Fubini
"Per amor proprio"

Europa, 2019 Longanesi
Infine Giovedì 18 Febbraio 2020
torna a Palazzo Ducale Enzo Bianchi con la conferenza dal titolo “È ancora possibile la fraternità?"
Sarà un appello alla coscienza di credenti e non per salvaguardare i valori fondanti del vivere civile nella società contemporanea.
Appuntamenti 2018

premio 2018 caselli premio 2018 caselli premio 2018 caselli
Premio Antonio Balletto 2018 conferito al Professore Lorenzo Caselli.

INTERVENTO DEL PROF. LORENZO CASELLI
Messo con le spalle al muro l’uomo deve ricostruire sa stesso.
Ma non può farlo da solo


Ricevo con gioia e trepidazione il premio Antonio Balletto 2018. Ringrazio il Consiglio del Centro Studi Antonio Balletto, il suo Presidente Edgardo Loewy, il Direttore del Comitato Scientifico Gerardo Cunico. Un grazie particolare al Magnifico Rettore e al Direttore del Diec Luca Beltrametti per le loro parole che mi hanno commosso. Saluto gli amici e i colleghi che con la loro presenza mi testimoniano il loro affetto che ricambio di cuore.

Continua a leggere
caramore
Corso di teologia
Leggere le scritture:
come e perchè

Genova, Palazzo Ducale
5-6 dicembre 2018

Docente: Gabriella Caramore

Scarica il programma
isoleri
Don Antonio Balletto
e la sua biblioteca

Martina Isoleri


La figura di Don Antonio Balletto, uomo, sacerdote ed editore di grande spessore culturale e umano, si colloca soprattutto fra Genova e Albenga, luoghi nei quali è stato capace di lasciare un segno importante nelle persone che lo hanno conosciuto e frequentato. Don Balletto è stato capace di stare sulla soglia per accogliere i “segni dei tempi”, cogliendo con sguardo attento e critico le istanze del suo tempo e dedicandosi con passione allo studio non soltanto teologico, ma anche letterario, storico e filosofico. La chiarezza espositiva, l’amore per il latino e il gregoriano, l’attenzione per la cura dei dettagli durante la liturgia ma anche nel preparare le lezioni, la disponibilità e la gratuità verso le persone, il carattere composto ed equilibrato, la fedeltà alla Chiesa: sono queste le caratteristiche che meglio tratteggiano l’immagine del sacerdote genovese. Lascito importante e concreto di questo suo essere è la collezione libraria custodita oggi presso la Biblioteca Comunale “S. Comanedi” di Albenga, dalla quale emerge una grande attenzione volta alla riscoperta della persona umana, colta nel suo significato più profondo, in relazione con Dio e con gli uomini.

▶ Apparato iconografico
▶ Scheda libro
brochure
Attività del Centro Studi Antonio Balletto 2009-2018

Scarica la brochure



l'opera comune

La collana “L’opera comune” intende ampliare lo spazio di risonanza delle iniziative del Centro Studi e del lascito intellettuale e civile di Antonio Balletto, ospitando scritti suoi e su di lui, testi originati dai cicli di lezioni e conferenze organizzati dal Centro Studi, nonché di autori legati alle sue ispirazioni e alle sue attività.

foto-balletto

Le lezioni di Teologia a San Fruttuoso

…in linea…
solo un assaggio di ciò che ci proponiamo di realizzare e cioè la pubblicazione delle lezioni di teologia che don Balletto ha tenuto nel quartiere di San Fruttuoso dal 1985 al 2007 definito da lui stesso “la più bella cattedra della sua vita”. Ciò che ha animato questo corso è stata la convinzione che la teologia non è un qualcosa di astruso da destinarsi a pochi specialisti ma un pensare Dio che è costitutivo dell’essere umano e che fa sì che un uomo sia dignitosamente uomo. Quest’uso dell’intelligenza che, con onestà, spinge l’uomo a riconoscere la propria origine e il proprio senso in qualcosa che trascende il finito è insito in tutti gli uomini che abbiano tanta sensibilità di accorgersene ed imparino a porsi domande su sé stessi e su ciò che li circonda. Ed ecco il perché di un “fare teologia in quartiere” e cioè in una struttura che appartenesse a tutti i cittadini, credenti e non credenti, giovani e meno giovani, più colti e meno colti, proprio nella consapevolezza che tutti hanno il diritto ed il dovere di pensare e dare il proprio contributo ad una ricerca che tocca tutti e conta per tutti. In questa 1° lezione del 21 ottobre 1985 che introduce il II anno dedicato all’antropologia, don Balletto traccia proprio le linee essenziali e lo spirito che animeranno tutti gli incontri successivi. La voce, nel pieno della sua maturità, trasmette in tutta la sua limpidezza, forza e vigore la magnanimità che la sua figura ha sempre sprigionato a beneficio di chi ha saputo coglierla, svegliando o ri-svegliando le coscienze a mettersi in cammino per cercare non pretenziose soluzioni ma almeno avvii di soluzione che dessero dignità al nostro esistere.
Buon ascolto!

ascolta
avvertenza: la lezione è stata suddivisa in 5 parti

logo palazzo ducale

logo comune albenga